LE CARTE STELLARI III

LE CARTE STELLARI

Carta III. Canis Major, Canis Minor, Monoceros, Gemini, Cancer, Hydra

Canis Major. E' assai notevole anche a causa della presenza di Sirius, la stella pi luminosa dei cieli. Le altre stelle principali sono Epsilon (1.6) Delta e Beta (2.0) Eta (2.4) e Zeta (3.1). Il gruppo facilmente rintracciabile da Orione. A dire il vero vi sono pochi oggetti telescopici interessanti in Canis Major, ma M 41 un lucente ammasso stellare che vale bene la pena di osservare.

Canis Minor. Contiene Procyon; l'unica altra stella luminosa Beta (3.1).

Monoceros. Una grande e debole costellazione con stelle che non superano la quarta magnitudine; essa si trova nella zona delimitata da Procyon, Sirius, e Betelgeux. E' attraversata dalla Via Lattea, e vi sono alcuni campi stellari assai ricchi dimodoch vale la pena di esplorare la zona con un piccolo ingrandimento.

Stella doppia. Beta: una tripla. Magnitudine 5.0, 5.5, 5.9; distanze 7.4" e 2.8" AP 132 e 105.

Ammasso stellare. Attorno alla stella di sesta magnitudine 12 Monocerotis si trova un bell'ammasso stellare aperto (ngc 2244): Esso si trova fra Betelgeux e la stella di quarta magnitudine Delta Monocerotis.

Gemini. (I Gemelli) Le due stelle brillanti Castore (bianca) e Polluce (giallo-arancio) segnano la testa dei Gemelli. Lontane l'una dall'altra di soli 5, costituiscono un buon punto di riferimento. Castore una stella tripla e ciascuna delle tre componenti una stella doppia (sei stelle in tutto). La retta che, nella costellazione di Orione, passa per Rigel e Betelgeuse, si dirige verso Polluce. E' interessante osservare con il telescopio l'ammasso M 35.

    Questa una delle costellazioni pi grandi. Con Castore e Polluce essa comprende altre stelle luminose: Gamma (1.9), Mi ed Epsilon (3.2), Xi (3.4) e Delta (3.5). Inoltre, attraversata dalla Via Lattea. Castore e Polluce si possono trovare in entrambe le cartine. Polluce di colore piuttosto arancione (tipo K) ora alquanto pi luminosa di Castore, anche se pare che ai tempi di Tolomeo questo non si verificasse. Vi sono numerosi oggetti interessanti in Gemini.

Stelle doppie. Castore: magnitudine 1.9, 2.8 distanza 2.5" AP 088. Una doppia facile e bella, periodo 420 anni. Castore in effetti un sistema multiplo assai complesso.

Delta: magnitudine 3.5, 8.2, distanza 6.7". AP 223. Stella di prova per un obiettivo da 2 pollici.

Lambda: magnitudine 3.7, 10.0, distanza 10", AP 033.

Kappa: magnitudine 4.0, 8.5, distanza 6.9", AP 240.

Variabili. Eta: una variabile dal periodo lungo del tipo M, magnitudine da 3.3 a 4.2, periodo 233 giorni.

Zeta: magnitudine 3.7, 4.3, periodo 10.2 giorni. Spettro G. Una Cepheide tipica. Una buona stella di paragone Ni (4.1).

R: magnitudine 6.0 a 14, periodo 369 giorni.

Ammasso.  M 35, un bell'ammasso aperto, una visione magnifica in un piccolo telescopio. Mi ed Eta fungono da ottime "stelle guida" per condurci ad essa.

Cancer. Una costellazione debole, la stella pi luminosa Beta (3.8) Iota (4.1) e Delta (4.2), ma comprende alcuni oggetti interessanti, quali Praesepe. 

Si trova nella zona delimitata da Pollux, Procyon e Regulus.

Stelle doppie. Zeta: magnitudine 5.0, 5.7; distanza 1", binaria, periodo 60 anni. Vi una stella della magnitudine di 5.5 ad una distanza di circa 5.5".

Iota: magnitudine 4.6, 6.3, distanza 31", AP 307. La stella maggiore giallastra, il compagno bluastro.

Variabile. R: magnitudine 5.9 a 11.5, periodo 362 giorni. Una variabile dal periodo lungo di tipo M.

Ammassi stellari. M 44 (Praesepe): uno degli ammassi aperti meglio conosciuti. Pu essere visto ad occhio nudo, in qualsiasi notte illune abbastanza limpida..

M 67: Un notevole oggetto telescopico vicino ad Alpha (4.3).

Hydra. Eccezion fatta per Argo Navis, che stata ora divisa, Hydra la costellazione pi grande dei cieli. Le stelle principali sono Alpha (2.2) Zeta, Ni e Gamma (3.3 ciascuna) e Pi ed Epsilon (3.5). Alphard indicata nella carta chiave-2, facile a trovarsi, ed assai rossa, apparendo assai isolata. Il suo nome di "La Solitaria" le si addice moltissimo. Essa pu essere identificata continuando l'esplorazione da Bellatrix attraverso Betelgeux a Procyon, e incidentalmente Castor e Pollux l'additeranno. E' un bell'oggetto con un piccolo ingrandimento.

Stelle doppie. Theta: magnitudine 3.9, 9.9; distanza 30". AP 197. La debolezza del compagno la rende una buona stella di prova.

Epsilon: magnitudine 3.6, 7.7, distanza 3.6", AP 253. Essa si trova nella "testa" della Hydra, che si trova facilmente, essa giace all'incirca tra Procyon e Regulus.

Sextans. Una costellazione debole ed insignificante, con nessuna stella tanto lucente da raggiungere la quarta magnitudine, e nessuno oggetto telescopico interessante.


| Carta I | Carta II | Carta III | Carta IV | Carta V | Carta VI | Carta VII | Carta VIII |

Carta-chiave Orsa | Carta-chiave Orione

 

il Cielo del mese by Astronomia.com

Return